• Il sito del Coordinamento calabrese Acqua Pubblica "Bruno Arcuri"
  • Boicottiamo Israele!

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fwww.csoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F113-primapagina%2F1404-tra-tagli-e-botti-la-notte-dei-no-muos%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Agosto
04
2018

TRA TAGLI E BOTTI, LA NOTTE DEI NO MUOS

Scritto da Super User

NO MUOS

 

 

Stanotte, durante il campeggio di lotta No MUOS al presidio adiacente il mostro della marina militare statunitense, le donne e gli uomini presenti hanno deciso di partire in corteo intorno alle recenzioni delle basi, intonando slogan contro la guerra imperialista e la devastazione ambientale.

Sono anni ormai che ribadiamo la nostra contrarietà a uno strumento di guerra che devasta il nostro territorio e chi ci vive, contribuendo, inoltre, alle tantissime guerre portate avanti in tutto il mondo dagli Stati Uniti e dalla NATO e a cui l’Italia destina milioni e milioni di euro al giorno. 
Nonostante la contrarietà della popolazione niscemese e siciliana e i sequestri della magistratura il MUOS, però, continua a esistere, funzionare e uccidere.

Qualcuno pensava che a fermare la lotta sarebbero bastate le denunce, i ricatti, i fogli di via o le minacce, ma in tutti questi anni non abbiamo mai mollato di un passo, nemmeno nei momenti più difficili, consapevoli dell’importanza di contrastare uno strumento di morte emblema dell’imperialismo statunitense.

Per questo stanotte, insieme a centinaia di compagne e compagni provenienti da tutta Italia e da altre parti d’Europa, abbiamo attraversato le strade che costeggiano la base, guardando le antenne e tagliando simbolicamente vari metri di rete, prima di attaccare il cancello numero due, spezzando le sue catene e danneggiandolo. La passeggiata notturna ha proseguito per tutto il tragitto fino ad arrivare al cancello 1, dove sono stati sparati fuorichi d’artificio e compiuti alcuni tagli alla recinzione.

La passeggiata ha dimostrato la forza, la capacità organizzativa e la determinazione del movimento No Muos di far capire che c’è ancora, pronto a lottare, a rispondere, a costruire. Il corteo si è mosso compatto e determinato, ha attraversato per chilometri la Contrada Ulmo, ha agito simbolicamente ed è tornato in presidio respingendo la polizia che provava a forzare i cordoni di testa e a fine spezzone.

La lotta al MUOS non si ferma, noi siamo e resteremo qui finchè tutta la base non sarà totalmente smantellata. 
Il prossimo appuntamento è già qui, oggi pomeriggio alle 15,00 per la manifestazione nazionale che dal presidio tornerà ad attraversare le strade che circondano il MUOS.
Vi aspettiamo in tante e in tanti.

I POPOLI IN RIVOLTA SCRIVONO LA STORIA, NO MUOS FINO ALLA VITTORIA!