Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni, utilizzandolo tu accetti l'uso dei cookies sul tuo dispositivo.

View e-Privacy Directive Documents

Hai disabilitato i cookies. Questa decisione può essere modificata.

Hai acconsentito all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere modificata.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/fql?q=SELECT%20share_count%20FROM%20link_stat%20WHERE%20url%20%3D%20%22http%3A%2F%2Fwww.csoacartella.org%2Findex.php%2Fcomponent%2Fcontent%2Farticle%2F96-comunicati%2Fantirazzismo-e-migranti%2F1251-report-del-primo-incontro-organizzativo-dello-sportello-di-assistenza-gratuita-per-i-migranti-del-30-10-2015%3FItemid%3D18%22): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /home/verdebinario/webapps/csoacartella_org/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 148
Novembre
08
2015

Report del primo incontro organizzativo dello "Sportello di assistenza gratuita per i migranti" del 30.10.2015

Scritto da c.s.o.a. Angelina Cartella

Dai una mano anche tu per realizzare lo Sportello di assistenza gratuita per i Migranti! Scegli i gruppi di lavoro che fanno per te, scrivendo un messaggio a progettocosmi@gmail.com oppure contattando il Co.S.Mi. sulla sua pagina facebook

Durante l’assemblea pubblica del 30 ottobre indetta dal Co.S.Mi (Comitato Solidarietà Migranti) è stato presentato il progetto “Sportello di assistenza gratuita per i Migranti”, alla presenza di volontari che hanno espresso la loro disponibilità a dare un contributo nella realizzazione delle attività che lo sportello porterà avanti. Tra queste vi sono supporto legale, supporto per pratiche amministrative, supporto psicologico, attività di informazione, scolarizzazione etc.

È emersa  l’importanza vitale della presenza di varie professionalità, come avvocati, psicologi, antropologi, mediatori culturali, mediatori linguistici.

Lo sportello può contare sin da adesso su alcune di queste professionalità, tra le quali hanno un ruolo fondamentale i mediatori linguistici e culturali, indispensabili per abbattere  ostacoli come la diversità di lingue e culture e permettere quindi un lavoro di comprensione e rispetto reciproco, effettuando al tempo stesso anche un lavoro di scrematura e di priorità rispetto all’aiuto richiesto.

Una delle attività fondamentali dello sportello sarà quello dell’informazione, da svolgersi a partire dai luoghi di sbarco dove molti migranti non sono a conoscenza dei loro diritti e delle possibilità legali che gli sono offerte. È previsto poi un lavoro di informazione volto all’integrazione, al supporto sanitario, al supporto verso i soggetti più vulnerabili come le donne e i minori.

Per una presa di coscienza forte dei propri diritti e della propria condizione sociale, per la comprensione del contesto in cui si vive, per la possibilità di ricerca di un lavoro, assumerà una grande importanza la scuola di italiano per migranti che si svolgerà secondo giorni e orari da concordare e che sarà guidata da chi ha una propensione e volontà per questo ruolo.

Il supporto amministrativo andrà dal disbrigo di semplici pratiche di documenti come la residenza, carta di identità, tessera sanitaria a quelle un po’ più complesse come il ricongiungimento familiare, la cittadinanza etc.

Il supporto legale offrirà tutti gli strumenti possibili per consentire agli immigrati una permanenza regolare nel nostro paese e tutto quello che è ad essa correlato (permesso di soggiorno per motivi economici  e familiari, protezione internazionale etc).

L’aumento di richieste di asilo politico e protezione internazionale vanno di pari passo con l’aumento dei dinieghi da parte delle commissioni territoriali e il migrante si ritrova spesso in una situazione di illegalità da una parte e disinformazione dall’altra; nel caso specifico, lo sportello sarà di aiuto sia nel periodo precedente alla commissione, aiutando il migrante a prepararsi adeguatamente per l’audizione, sia - in caso di diniego – nella preparazione del ricorso; già in questa sola procedura vengono richieste più figure che vanno dall’avvocato al mediatore, ma soprattutto è necessaria una preparazione degli stessi volontari sia da un punto di vista socio-culturale, sia da un punto di vista tecnico-burocratico.

Per queste ragioni e con questi scopi, l’apertura dello sportello sarà preceduta da un mese circa di formazione che verrà suddivisa in settori in base alla disponibilità e all’interesse di chi ne farà parte.

I gruppi individuati sono:

  • Gruppo 1 Scuola di italiano
  • Gruppo 2 Procedure inerenti richiedenti asilo e rifugiati politici (supporto legale, preparazione alla commissioni, attività di informazione)
  • Gruppo 3 Aspetti sanitari e amministrativo-sanitari
  • Gruppo 4 Procedure burocratiche e amministrative per documenti( carta di identità, permesso di soggiorno, ricongiungimenti familiari, residenza, cittadinanza etc)
  • Gruppo 5 Lavoro di informazione a vari livelli

Gli incontri di formazione saranno tenuti da esperti nei diversi settori.